Beppe Fiorello con Lucano: "Isolato come il peggior mafioso" | Notizie.it
Beppe Fiorello con Lucano: “Isolato come il peggior mafioso”
Cultura

Beppe Fiorello con Lucano: “Isolato come il peggior mafioso”

Beppe Fiorello
Beppe Fiorello

"Sei scomodo perché hai il volto della Calabria giusta e libera": l'ultimo tweet di Beppe Fiorello a favore di Domenico Lucano, sindaco di Riace

All’alba di martedì 2 ottobre 2018, il sindaco di Riace Domenico Lucano è stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Beppe Fiorello è intervenuto per esprimergli la sua solidarietà. “Non va più difeso, va amato come lui ama il prossimo”. Sono state le sue parole. Di recente, l’attore ha girato la fiction ‘Tutto il mondo è paese”, incentrata proprio sul modello di accoglienza della cittadina calabrese.

“Mimmo Lucano crederò in te più di prima. Qualcuno si porterà sulla coscienza la vita di un uomo straordinario. Io lo so che Mimmo non sopporterà questa vergogna. Ora cerco parole per difenderlo ma mi rendo conto che non va più difeso, va amato come lui ama il prossimo”. Era questo il tweet di Fiorello a poche ore dall’arresto. Infatti, i finanzieri del Gruppo di Locri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Locri. Così, hanno disposto gli arresti domiciliari nei confronti di Domenico Lucano.

L’accusa è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti.

Le indagini si sarebbero concentrate sulla gestione da parte di Lucano dei finanziamenti erogati dal Viminale e dalla Prefettura di Reggio Calabria al Comune di Riace per l’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo politico. Secondo quanto riportato, il sindaco avrebbe anche organizzato “matrimoni di convenienza” tra i cittadini di Riace e donne straniere. Lo scopo sarebbe stato quello di farle rimanere sul territorio italiano. Domenico Lucano sarebbe incorso in “irregolarità amministrative” e “illeciti penalmente rilevanti” per realizzare il progetto di accoglienza dei migranti.

Con un tweet Beppe Fiorello esprime ancora una volta solidarietà al sindaco di Riace Domenico Lucano che ha dovuto lasciare all’alba il paese, dopo che il tribunale del Riesame ha revocato gli arresti domiciliari disponendo il divieto di dimora.

Il nuovo tweet di Beppe Fiorello

Il fratello minore di Rosario Fiorello è protagonista e anche coproduttore della fiction “Tutto il mondo è paese”, incentrato su Lucano e il modello Riace. Sospesa dalla Rai la sua messa in onda. Si rimane in attesa degli eventi. “#MimmoLucano il tempo ti darà ragione, hai regalato un sogno al mondo e lo faremo vedere”. Comincia così i nuovo tweet del regista.

Con tono provocatorio, prosegue: “Ti hanno isolato e fatto fuori come fossi il peggiore dei mafiosi (liberi ancora di agire). Sei scomodo perché tu hai il volto della #calabria giusta, nuova, libera e felice”. Poi l’hashtag “#iostoconriace”.

Beppe Fiorello

A proposito della sua fiction su Riace, nel mese di settembre Fiorello si era sfogato sui social, chiedendo alla Rai spiegazioni circa la mancata messa in onda. La Rai aveva quindi fatto sapere che il progetto si trova in fase di sospensione in attesa del verdetto della magistratura su Domenico Lucano. “Non esiste alcun blocco della messa in onda. La fiction è stata semplicemente sospesa dal palinsesto, in quanto la Procura di Locri ha recapitato al sindaco Lucano un avviso di garanzia per alcuni presunti reati collegati alla gestione del sistema di accoglienza. Non appena la magistratura comunicherà le sue decisioni finali in merito all’indagine, il Servizio Pubblico adotterà i provvedimenti conseguenti”. Si legge nel comunicato Rai.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 725 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.